You are here

C2.4.1. Indicazioni d’uso

Un macinadosatore ben regolato e utilizzato correttamente è determinante per ottenere una buona bevanda.

Avvertenze per un uso corretto

Le principali avvertenze per l’uso del macinadosatore sono:

  1. controllare ogni giorno che la macinazione sia corretta (in caso di tempo variabile anche più volte al giorno);
  2. non macinare mai troppo caffè, in particolare prima della chiusura; se si utilizza il caffè macinato la sera precedente, magari in un ambiente o clima molto caldo e umido, al momento dell’utilizzo la polvere avrà perduto buona parte delle sue qualità (ecco uno dei principali motivi per cui i primi caffè del mattino sono cattivi);
  3. versare sempre poco caffè alla volta nella campana perché è soggetto a deterioramento e conservare la confezione ben chiusa e in un luogo fresco; alla sera si può mettere nel sacchetto il caffè rimasto nella campana, oppure spostare la campana in un luogo più fresco, soprattutto d’estate.

Come si pulisce

La pulizia di questo macchinario è semplice e rapida.
Ogni settimana si pulisce la campana con uno straccio asciutto e il dosatore con uno spazzolino, per evitare accumuli di polvere di caffè che portano a dosi con quantità non costanti.
Ogni mese si lava la campana con un detergente non profumato e la si lascia asciugare sopra la macchina tutta la notte, per eliminare i grassi lasciati dai chicchi (presenti sulla loro superficie) che possono irrancidire trasmettendo sapori e odori sgradevoli.

Regolare la macinazione

Il corretto grado di macinazione dipende da vari fattori: l’umidità nell’aria, il tipo di miscela, la taratura della macchina espresso, la quantità di caffè per ogni dose. È impossibile definire a priori uno standard di macinazione, che va invece adattato una prima volta in base ai fattori indicati e successivamente variato se questi cambiano. I fattori che incidono nel grado di macinazione sono costanti, eccetto uno: l’umidità nell’aria, un valore che cambia in continuazione, anche più volte al giorno. La polvere di caffè è delicata e deperibile e, anche semacinata da poco tempo, chiusa nel dosatore, è sensibile alla presenza di umidità nell’aria: quando questa è elevata compatta la polvere e rallenta l’infusione, quando è bassa (clima secco) lascia la polvere più asciutta e quindi rende l’infusione più rapida.

Di conseguenza:

  • molta umidità > macinazione più larga, polvere più grossa;
  • poca umidità > macinazione più fine, polvere più piccola e sottile.

Per ricordarsi come intervenire può essere utile un esempio: se in un passino mettiamo sabbia poi versiamo acqua, questa lo attraversa lentamente, se invece mettiamo sassi l’acqua scorre rapidamente. Quindi se il caffè passa troppo velocemente rendo la polvere più sottile, se passa lentamente rendo la polvere più grossa.
Per ottenere un caffè normale di circa 3 cl occorrono 20-25 secondi; se impiega più tempo significa che la polvere è macinata troppo finemente, perciò va aumentata la distanza delle macine; se invece ne impiega meno vuol dire che scende troppo velocemente, quindi la polvere è troppo grossa e occorre avvicinare le macine per renderla più fine.
Le cause di un’infusione troppo veloce o troppo lenta possono essere altre: per esempio, una dose scarsa o eccessiva; in questi casi il grado di macinazione non c’entra.

Quando si deve regolare la macinazione:

Regolare la macinazione1. Si toglie il caffè già macinato dal dosatore;

2. Si sposta la ghiera di una-due linee, verso grosso per far scendere il caffè più velocemente, verso fine per farlo scendere più lentamente;

3. Si macina abbastanza caffè, si fanno 2-3 scatti raccogliendo il macinato con il coperchio del dosatore, si rimette la polvere estratta nel dosatore: tutto ciò per estrarre in seguito una giusta dose di caffè;

4. Si fa un caffè per verificare se la nuova regolazione è corretta.

Se il caffè non scende correttamente, si sposta la ghiera di un’altra linea e si fa una nuova prova. Non bisogna mai fare ampi spostamenti, perché si rischia di lavorare a lungo per trovare la posizione corretta, con perdite di tempo e sprechi di caffè.
È importante ricordare che è meglio avere una macinazione più grossa con una forte pressatura piuttosto che una più fine sulla quale effettuare una pressione lieve: la polvere troppo fine trattiene le sostanze che conferiscono al caffè corpo e aromi.