You are here

A1.3.2. Cosa offrono queste professioni

In queste professioni, come in tutte le altre, per emergere e ottenere il massimo, occorrono impegno e sacrifici, che verranno ripagati in modo molto soddisfacente. Ecco come.Cosa offrono

Lavoro: c’è grande richiesta di personale qualificato: trovare lavoro è facilissimo, ancora prima di terminare gli studi.

Contatti sociali: si lavora insieme alle persone; di più: in mezzo. Si imparerà a conoscerle, a sapere come vanno trattate, a capire i loro desideri e caratteri.

Viaggi: queste professioni consentono di trovare facilmente lavoro nei vari paesi, viaggiando e conoscendo i posti più belli del mondo. Non è necessario essere grandi professionisti: occorrono buone basi, voglia e coraggio.

Carriera: un tempo per far carriera era necessaria una lunga gavetta e per essere promossi al grado superiore si attendeva che si liberasse un posto lasciato vacante per anzianità o perché il lavoratore si spostava in un altro luogo di lavoro. Oggi la competizione è molto forte, a tutti i livelli, e gli avanzamenti di carriera derivano dalle reali conoscenze e capacità, per cui un giovane valido può assumere in pochi anni incarichi di grande responsabilità.

Retribuzioni: queste professioni offrono ottime soddisfazioni economiche. Attenzione, però, c’è un pericolo: quello di avere la mente offuscata dal denaro e dalla possibilità di guadagnare il più possibile. Nessuno nega che il lavoro svolto debba essere giustamente retribuito, ma quando si inizia la carriera non si deve scegliere il posto di lavoro in base allo stipendio. Ci si deve chiedere piuttosto: quanto posso imparare da questo impiego? C’è un responsabile competente che possa insegnarmi il lavoro?

Riconoscimento sociale: chi svolge questa professione ad alti livelli è considerato persona degna della massima considerazione e rispetto; ne è prova la notorietà di molti ristoratori, albergatori, cuochi, maître e barman.

Commenti

In Italia le retribuzioni sono regolamentate dal Contratto Collettivo Nazionale del Lavoratori (C.C.N.L) ed indicano gli importi minimi stabiliti per livello contrattuale. Il C.C.N.L. regola il rapporto di lavoro sia dalla parte del datore di lavoro che per il dipendente, stabilendone modalità, orari, diritti e doveri. In Italia la paga base minima oraria ammonta a circa 6,77 Euro (dati CCNL 2009 soggetti a variazioni annuali secondo dati ISTAT e di contrattazione collettiva)
Dato che gli operatori della ristorazione appartengono al settore Turistico e dei Pubblici esercizi il C.C.N.L. di riferimento sarà proprio quello del "Turismo e Pubblici esercizi" scaricabile da internet presso i siti web dei sindacati oppure in vendita nelle librerie giuridiche.
Ovviamente gli importi delle retribuzioni saranno quelli base, se qualcuno di voi, dopo una certa esperienza riuscisse a guadagnare di più gli faccio i miei complimenti.
E' anche possibile che l'operatore della ristorazione possa guadagnare a percentuale e percepirà la paga base + percentuali di vendita ma senza contingenza. Questa formula spesso non piace ai datori di lavoro perchè rende il costo del lavoro troppo variabile e imprevedibile.
La stragrande maggioranza degli operatori di settore viene pagata con la paga tradizionale composta da paga base nazionale + contingenza.
Il C.C.N.L. settore Turismo e pubblici esercizi prevede 10 livelli contrattuali che sono:
1- Livello Quadro A: Direttore Generale di un Hotel, Direttore/ Proprietario o Gestore di un Ristorante (27.876,52 Euro Lordi annui).
2- Livello Quadro B; Vice Direttore di un Hotel o di un Ristorante o un Direttore esecutivo F&B di una catena Alberghiera (25.841,76 E Lordi/anno).
3- Livello Primo; F&B Manager (23.391,34 E Lordi/anno).
4- Livello Secondo; Primo Maitre e Primo Barman (21.426,58 E Lordi/anno)
5- Livello Terzo; Secondo Maitre; Secondo Barman o Barman unico (20.229,44 E Lordi/anno)
6- Livello Quarto; Chef de Rang di Sala o Bar, Barman (19.093,06 E Lordi/anno)
7- Livello Quinto; Demi Chef de Rang di Sala o Bar, Barista (17.949,26 E Lordi/anno)
8- Livello Sesto Super; Commis di Sala o Bar (17.257,94 E Lordi/anno)
9- Livello Sesto; Apprendista Cameriere o Barista (17.018,40 E Lordi/anno)
10- Livello Settimo; Garzone, Facchino, Lavapiatti (15.987,72 E Lordi/anno)

Il contratto CCNL Turismo prevede che ci siano 12 mensilità più la retribuzione natalizia e feriale ( 13^ e 14^ ).
Gli importi indicati sono solo sommari in quanto il datore di lavoro avrà un costo aggiuntivo che varierà in base ai livelli contrattuali e comprende le seguenti voci:
- Trattamento fine rapporto
- Rivalutazione T.F.R. (3,485981%)
- Contributo EBT
- Contributo INPS (10% di contributo EBT)
- Assistenza QuAS
- Assistenza sanitaria integrativa FAST
- Previdenza complementare (20% di 0,55%)
Il C.C.N.L. Turismo indica anche le ore di lavoro medio che sono:

ORARIO DI LAVORO
Ore teoriche (40 ore x 52,2 settimane) 2.088 ore annue
Ore non lavorate per:
Ferie (26 giorni) 173 ore annue
Festività soppresse (1 giorno) 7 ore annue
Permessi retribuiti 104 ore annui
Festività (12 giorni) 80 ore annue
Malattia, gravidanza, infortunio (15 giorni) 100 ore annue
Assemblee sindacali, permessi (2 giorni) 13 ore annue
Formazione, permessi R.L.S.(L.626/94) (1 giorno) 7 ore
Totale ore mediamente non lavorate 484
Ore mediamente lavorate in un anno 1.604

( Anno 2008, Fonti: CCNL e Ministero del Lavoro Italiano - http://www.lavoro.gov.it/ )

Maurizio Di Palo
Tecnico dei Servizi della Ristorazione
specializzato in Sala-Bar